it Italian

FAQ


Lievito madre (liquido e solido)

Sì e no. La potete usare se il lievito è già stato avviato e sono passati almeno 14 giorni dal giorno 1. Altrimenti è meglio buttarlo perché poco sicuro e non buono.
La parte in eccesso dal rinfresco, se presa al picco, equivale a un lievito madre attivo pronto per l’uso. Se invece questo avanzo lo mettete da parte in frigo per alcuni giorni, si definisce esubero, e può essere usato per ricette che vogliono un lievito poco attivo.

Hai trovato questa FAQ utile?
2
0

Lievito madre liquido (licoli)

Quando pensate che il vostro lievito madre liquido sia pronto per essere utilizzato (raddoppia/triplica in modo predittivo in un dato lasso di tempo), quello che potete fare è individuare la ricetta che volete seguire, conoscere la quantità di lievito che dovrete utilizzare, e procedere all’ultimo rinfresco creando la quantità che vi serve per panificare (aumentando quindi le proporzioni di acqua e farina). Una volta che il lievito ha raggiunto il picco (prima che sprofondi), è pronto per essere aggiunto nell’impasto. Ricordatevi di tenere da parte un po’ di lievito come madre per le prossime volte.

Tag: impasto
Hai trovato questa FAQ utile?
0
0

Lievito madre solido (pasta madre)

Quando pensate che il vostro lievito madre solido sia pronto per essere utilizzato (aumenta di una volta e mezzo il volume iniziale in modo predittivo in un dato lasso di tempo), quello che potete fare è individuare la ricetta che volete seguire, conoscere la quantità di lievito che dovrete utilizzare, e procedere all’ultimo rinfresco creando la quantità che vi serve per panificare (aumentando quindi le proporzioni di acqua e farina se necessario). Una volta che il lievito è raddoppiato (in 3-4 ore a 27°C), è pronto per essere aggiunto nell’impasto. Ricordatevi di tenere da parte un po’ di lievito come madre per le prossime volte.

Tag: impasto
Hai trovato questa FAQ utile?
2
0

Hai trovato quello che cercavi?

Inserisci il tuo indirizzo email, così possiamo tenerti aggiornato.