it Italian

FAQ


Lievito madre (liquido e solido)

Dopo il rinfresco il lievito madre è bene che stia a temperatura ambiente (22-27°C) per almeno un’ora, prima di essere messo in frigo. Se segnate il livello a cui è, sul barattolo, potete monitorare meglio la sua evoluzione ed involuzione mentre lo tenete al freddo, e capire meglio quando è opportuno procedere con un successivo rinfresco.

Hai trovato questa FAQ utile?
3
0

Sì e no. La potete usare se il lievito è già stato avviato e sono passati almeno 14 giorni dal giorno 1. Altrimenti è meglio buttarlo perché poco sicuro e non buono.
La parte in eccesso dal rinfresco, se presa al picco, equivale a un lievito madre attivo pronto per l’uso. Se invece questo avanzo lo mettete da parte in frigo per alcuni giorni, si definisce esubero, e può essere usato per ricette che vogliono un lievito poco attivo.

Hai trovato questa FAQ utile?
2
0

Lievito madre solido (pasta madre)

La pasta madre, dopo un rinfresco con rapporto 1 : 0,5 : 1 e messa a lievitare a 27°C, dovrebbe aumentare il suo volume di una volta e mezza entro 3,5 – 4 ore.
Se, con lo stesso rapporto, viene messa a lievitare a 18-19 gradi, dovrebbe aver aumentato di una volta e mezza il suo volume entro 16 ore, sia essa tenuta libera o in acqua.
Se la pasta madre ha già ricevuto un rinfresco precedente a 27°C, la si può rinfrescare con un rapporto 1 : 1 : 2 e aspettarsi che aumenti di una volta e mezza il suo volume sempre entro le 4 ore.

Hai trovato questa FAQ utile?
1
0

Hai trovato quello che cercavi?

Inserisci il tuo indirizzo email, così possiamo tenerti aggiornato.